Filetti di orata all’acqua pazza

Filetti di orata all'acqua pazza

Filetti di orata all’acqua pazza, una ricetta tipicamente di mare per preparare un secondo piatto di pesce in maniera facile e veloce.

Oggi un classico della cucina di mare, i filetti di orata all’acqua pazza! Potete usare diversi tipi di pesce, branzino, merluzzo, orata,  come nel mio caso, ricetta semplice e saporita, che richiede un pesce freschissimo. La cottura è davvero minima e la bontà di questo piatto è affidata alla qualità del pesce stesso e agli ingredienti che l’accompagnano: aglio, un po’ di pomodorini, un pizzico di peperoncino e una manciata di prezzemolo tritato.

Si deve ai pescatori di Ponza, l’invenzione della ricetta all’acqua pazza. Al tempo di Totò, il noto attore, la ricetta arrivò a Capri e venne resa celebre da Totò stesso che si dice ne fosse particolarmente goloso. Come tutte le ricette ci sono le sue varianti, con l’aggiunta di frutti di mare, olive, capperi. Provate però la ricetta dei filetti di orata all’acqua pazza come è stata inventata, vi conquisterà!

Ingredienti per 4 persone

600 g di filetti di orata
2 spicchi d ‘aglio
300 g pomodorini
un ciuffo di prezzemolo
3 cucchiai d’olio EVO
sale q.b.
pepe q.b.
capperi sotto sale (aggiunta mia)
1/2 bicchiere d ‘acqua
1/2 bicchiere di vino bianco*

Prendete una padella, cospargetene il fondo con l’olio extravergine di oliva, poi adagiatevi l’orata. Tagliate i pomodorini a metà ed aggiungeteli in padella insieme ad un trito fatto con l’aglio ed il prezzemolo, sale e pepe, acqua e vino bianco.

Mettete a cuocere a fiamma vivace fino a quando non prende bollore, poi abbassatela e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere una ventina di minuti, poi togliete il coperchio, aggiungete i capperi ben lavati e strizzati (facoltativo) alzate nuovamente la fiamma e lasciate ritirare. Servite i filetti di orata all’acqua pazza con una spolverata di prezzemolo fresco sopra.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*