Schiacciata con l’uva

Schiacciata con l'uva

La schiacciata con l’uva ci riporta in terra toscana! Vi presento oggi una delle ricette tipiche della mia regione durante il tempo della vendemmia, la schiacciata con l’uva.

La cucina toscana è fatta di ingredienti poveri, di origine contadina. Gente che lavorava nei campi e viveva dei suoi frutti. E la schiacciata con l’uva non fa eccezione: una ricetta tradizionale preparata con un tipo d’uva non adatto alla vinificazione, allietava le mense dei vignaioli con il suo sapore dolce.

Schiacciata con l'uvaOggi è possibile trovare la schiacciata con l’uva in ogni forno che si rispetti, allieta le vetrine con il suo bellissimo colore. La ricetta, come tradizione vuole, prevede l’utilizzo di uva nera tipica del Chianti, ma ve lo confesso, non ho mai apprezzato la schiacciata con l’uva per il continuo sputacchiare semi!!

Vi presento quindi una ricetta tradizionale di schiacciata con l’uva, ma usando una varietà d’uva senza semi, quella che poi viene usata per fare l’uva sultanina.

Ricetta schiacciata con l’uva:

Ingredienti:
400 g di farina 0
10 g di lievito di birra fresco
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 cucchiaino raso di sale
100 g di zucchero
270 ml di acqua circa

1 kg di uva senza semi (o nera)
100 g di zucchero
olio extra vergine d’oliva
semi d’anice q.b.

Procedimento:

Sciogliere il lievito nell’acqua. Aggiungere poi la farina, il sale, lo zucchero e l’olio e, usando un cucchiaio, impastare brevemente con l’acqua, giusto il tempo per amalgamare gli ingredienti. Lasciar riposare una mezz’ora.

Schiacciata con l'uvaTrasferire l’impasto su una spianatoia e lavorare energicamente per una decina di minuti, dividere in due parti diseguali l’impasto, coprire con un panno e lasciare lievitare fino al raddoppio del volume (circa 4 ore mi ci son volute).

Prendere la parte di impasto più grossa e stenderlo con le mani unte in una teglia da forno avendo cura di lasciare i bordi piuttosto alti. Rovesciare sopra più della metà dell’uva totale, cospargete con 60 g di zucchero. Stendere ora il rimanente impasto e adagiarlo con cura sull’uva. Chiudere bene i bordi aiutandosi con avendo cura di sigillarli attentamente. Decorare la superficie con l’uva rimasta, spolverizzare con lo zucchero zucchero avanzato e semi di anice (un cucchiaino scarso). Accendete il forno a 180/200°. Appena raggiunge la temperatura, infornare la schiacciata per un’ora fino a quando diventerà bella dorata e l’uva rilascerà il succo. Sfornate e lasciate freddare… e nel frattempo gustatevi il profumo della vostra schiacciata con l’uva.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi conoscere la normativa consulta la pagina http://www.beatitudiniculinarie.it/home/cookie-law

Chiudi