Marmellata di cedro bimby

Marmellata di cedro Bimby

Ed eccoci con la nostra rubrica Un libro, un film, una ricetta. Quest’oggi vi recensirò un delizioso libro di Lucy Dillon, La libreria degli amori inattesi in abbinamento con una profumatissima marmellata di cedro Bimby.

Trovare l’abbinamento con la marmellata di cedro Bimby è stato difficile, in realtà l’abbinamento meglio riuscito sarebbe stato con la torta di carote, quindi perchè non scegliere quella? Perchè questo libro ha troppe sfaccettature, troppe sotto trame per accontentarsi della prima ricetta che si incontra.

Michelle decide di rifarsi una vita, allontanandosi dal non ancora ex-marito e quasi perfetto Harvey e dalla propria famiglia che non riesce ad accettare la sua scelta. Michelle, intelligente, abile, ma anche timorosa riprende in mano la propria vita ed in una piccola realtà di provincia apre il proprio negozio di chincaglierie, come le definisce Rory, giovane avvocato padre del piccolo Zachary, un negozio dove le persone possono comprare oggetti graziosi per soddisfare il proprio ego estetico.

Michelle fa amicizia con Anna, sognatrice e divoratrice di libri, sposata e matrigna di tre figlie Becca, Chloe e Lily, che rendono la sua vita alquanto movimentata tra mille impegni casalinghi, grazie a Pongo, il dalmata delle figlie di Anna. Un’amicizia che si rinsalda giorno dopo giorno, ma che Anna sente quasi unilaterale, poichè Michelle rimane sempre molto chiusa, attenta a non perdere il controllo nè di se stessa nè della situazione.

Michelle, piccola imprenditrice decide di affittare il negozio accanto al suo, ma per un anno dovrà lasciarlo al suo attuale uso, cioè quello di libreria e Michelle, ansiosa di poter ampliare il suo negozio, decide di accettare affidando la gestione ad Anna.

I giorni di Michelle scorrono veloci, tra i battibecchi con Rory, giovane avvocato che abita sopra la libreria, tra le passeggiate con tavish, cagnolino del precedente proprietario della libreria ed Harvey l’ex marito che per 7 anni l’ha costretta a soprusi silenziosi, facendole credere di essere una nullità.

Scorrono veloci anche per Anna e la sua voglia inappagata di maternità, che il marito, già padre di tre figlie, non sembra proprio voler appagare. Ed Anna, giorno dopo giorno, sempre più triste e sempre più sola, poichè neanche da Michelle si sente capita.

Se vi è venuta voglia di leggerlo correte a comprarlo, lo adorerete! Sembra la solita storiella rosa, invece è un libro profondo, che tratta argomenti delicati e lo fa attraverso le sue righe, pagina dopo pagina, un libro che divorerete tutto d’un fiato!

E prima di lasciarvi alla ricetta della marmellata di cedro Bimby, vi invito ad andare da Susy a leggervi la sua ricetta, la mousse al cioccolato per il film Lo chiamavano Jeeg Robot.

Ricetta marmellata di cedro Bimby:

Ingredienti

1 kg di cedro bio
600 g di zucchero

Lavate i cedri per bene sotto l’acqua corrente, aiutandovi con uno spazzolino per togliere ogni eventuale residuo e asciugateli. Eliminate le punte con un coltello ben affilato e divideteli in quarti e pelate la scorza gialla tagliandola non proprio sottilmente.

Potete a questo punto optare per fare il cedro candito, come ho fatto io, od usare le scorze per la marmellata. In questo caso coprite le scorze tagliate a pezzetti con acqua fredda e mettere sul fuoco facendole bollire 3-4 minuti; scorlarle, raffreddarle sotto l’acqua corrente e ripetere l’operazione per altre due volte. Dovreste essere riuscite a togliere buona parte dell’amaro. Tagliate il restante cedro a tocchetti, unitelo alle scorze, ricoprite di zucchero e lasciate riposare fino a quando lo zucchero non sarà sciolto.

Mettete il cedro nel boccale insieme allo sciroppo di zucchero, azionate le lame a vel. 4, temp. 100 C° per 35 minuti. Una volta cotta frullate a velocità massima per qualche secondo, quindi invasate in vasetti sciacquati con grappa o altro liquore e capovolgete i vasetti per far creare il sottovuoto.

La marmellata di cedro Bimby rimane leggermente amarognola, adattissima ad essere servita insieme a formaggi stagionati o spalmata su delle belle fette di pane per colazione, come ha fatto Rory!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.